Istituto Italiano di Cultura di Napoli
  • Gherardo Colombo e Roberto Pasanisi all American Studies Center per il Premio Nuove Lettere Gherardo Colombo e Roberto Pasanisi all'American Studies Center.
  • Roberto Pasanisi parla della sua esperienza di poeta alla Biennale Internazionale di Poesia di Alessandria. Roberto Pasanisi parla alla Biennale della sua esperienza di poeta.
  • Giorgio Barberi Squarotti presenta Nuove Lettere al Circolo della Stampa di Napoli. Giorgio Barberi Squarotti presenta Nuove Lettere al Circolo della Stampa.
  • Il prof Pasanisi fa lezione al LIUPS nell\'aula di Italiano per stranieri Il prof. Pasanisi fa lezione al LIUPS nell'aula di Italiano per stranieri.
  • Premio Letteratura 2012 nella sede della Cittadella. Premio Letteratura 2012 nella sede della Cittadella.
  • Roberto Pasanisi e Mario Luzi alla Biennale di Alessandria. Roberto Pasanisi e Mario Luzi alla Biennale di Alessandria.

Lista di discussione

Lingua

Chi è connesso

Abbiamo 218 visitatori e nessun utente in linea

FORMATO NUVOLA - Mario Pepe

POESIE

Libro POESIE 64 pagine

Gruppo Editoriale L’Espresso, 1a edizione 9/2011

ISBN: 9788891002662

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=639376

 

 

Vinta la XXX edizione (2014) del Premio Internazionale “Letteratura” poesia, narrativa, saggistica dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli, come raccolta edita di poesia.

 

 

 

 

Poesie scelte dal libro:

L’acqua e la pietra

Dobbiamo rassegnarci,

mettere a fuoco la scena

per così poco tempo

non è di alcun aiuto.

 

Ci tocca immaginare il prima

e non possiamo prevedere il poi.

 

Speriamo di sgretolarci

in elementi più semplici

e percepire da altre angolazioni,

 

come fanno l’acqua e la pietra.

 

Così forse

senza apprensione alcuna

sapremo com’era

e come andrà a finire.

 

Nipotini

Hanno nuova pelle,

nuove ciglia,

gli occhi  sono di un verde imprevisto.

Il mondo si rinnova

ripartendo da zero.

 

L’ombra azzurra degli alberi

si riempie ancora di risate,

l’estate si ripresenta

come se fosse per la prima volta.

Quella nuvola bianca

ci tiene a proclamare che la giornata

è appena cominciata.

 

Ma questi esserini delicati

non lo sanno,

rincorrono piccioni

e scoiattoli,

trascinano trenini

e palloni colorati.

 

Ora ci chiamano a gran voce

dall’altra sponda del prato,

ma non possiamo più accompagnarli,

 

dobbiamo andare.

 

 

Polvere

Dopo un rotolare

incessante

di giornate,

una si è fermata

finalmente,

 

il  meccanismo

si è arrestato,

gli elementi più semplici

sono fuorusciti

come le rotelline di un orologio,

e corrono ancora,

ognuno per conto suo

questa volta.

 

Ora non fa alcuna differenza

se è una nuvola

o la tua polvere

a perdersi nel vento.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vite

 

Non si percepiscono i secoli

nè si sente il fragore degli elmi,

le eruzioni non fanno alcun rumore.

 

Le vite si sono perse

nel districarsi degli affanni.

 

Le certezze sono durate poco,

disperse da un alito di vento.

 

Queste deboli tracce,

rimaste sepolte

sotto strati di gesti,

saranno del tutto prive di  interesse

a chi vi si imbatterà per caso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ottobre

Ottobre si ripresenta

con le solite folate

di vento fresco,

le stesse foglie rosse

di rappresentanza,

 

con la determinazione

con cui si è presentato

alcune pestilenze fa,

 

trenta volte

durante la guerra

dei trent’anni,

 

settanta volte

per consigliarmi

che pullover

indossare con i colori

dell’autunno,

 

cinque volte soltanto

a chi lo riconosce

appena,

 

inutilmente,

per chi se n’è andato

in primavera.

 

 

 

 

 

 

Coupon

Oggi mi cambiano il pezzo,

sostituiscono il tubo di scarico

ed il mantice.

 

Dopo l’innesto venoso

prelevato dal cambio inferiore,

la circolazione del fluido

non subirà più intoppi.

 

Entrambe le ginocchia

avranno lubrificante a sufficienza.

 

Potrò andare ovunque

senza paura

di rimanere per strada.

Sono in  garanzia per altri cento anni.


 

Capire

 

Gli indizi sono molti,

il respiro per esempio

o quel battito incessante,

meglio ancora

il tendersi dei muscoli

ed i piedi che camminano.

 

Per fortuna la teoria

degli organismi viventi

è bella pronta.

 

Puoi dedurne

la tua prossima trasformazione

in elementi più semplici,

quasi tutta acqua

e qualche atomo di carbonio.

 

Quella precedente

inversa,

decisamente più determinata

dopo quell’incontro casuale,

non te la ricordi proprio.

 

Rimangono sempre

comunque

dettagli importanti

che non collimano.

2019  Istituto Italiano di Cultura di Napoli - via Bernardo Cavallino, 89 ("la Cittadella")
80131 Napoli - tel. +39 081 5461662 - fax +39 081 2203022 - posta elettronica: ici@istitalianodicultura.org